La Battaglia di Gela

Luglio 1943

La “battaglia di Gela” fu combattuta dai soldati italiani della divisione di fanteria “Livorno” e dai reparti costieri fino alle prime ore del pomeriggio del 12 luglio 1943, come confermato dal Generale Ceci, intervistato dai sigg. Reale Salvatore e Schifani Giovanni, a quel tempo Capitano comandante dell’11^ compagnia fucilieri del III battaglione del 33° reggimento della 4^ divisione “Livorno”, con l’ordine di difendere ad oltranza il caposaldo fortificato dei monti Zai e dell’Apa.
Questa tesi viene confermata anche dalle annotazioni riportate sul diario del 41° reggimento di fanteria americano. In ordine a queste testimonianze, risulta discordante ciò che viene riportato nella pubblicazione del Santoni A. “Le operazioni in Sicilia e in Calabria (luglio – settembre 1943)”, poiché risulta che la difesa del suddetto caposaldo cessò nelle primissime ore del mattino del 12 luglio 1943.

12-luglio-1943-bersaglieri-acireale
Il caposaldo dei monti Zai e dell’Apa, fortificato con postazioni p.c.m. (postazioni circolari mono arma), contro carro e postazioni per artiglieria, fu difeso il 12 luglio dalla sola 11^ compagnia del III battaglione del 33° reggimento di fanteria e da qualche reparto costiero, con l’appoggio di pochi pezzi di artiglieria del III gruppo del 28° reggimento di artiglieria “Monviso art. Livorno” dislocati su monte San Nicola, posto a nord/ovest e in posizione dominante rispetto ai monti Zai e dell’Apa.
L’ordine era quello di opporre una resistenza ad oltranza per consentire alle rimanenti forze della divisione italiana “Livorno” di arretrare verso Mazzarino (CL) ed il bivio Gigliotto.

Le forze americane, costituite dal 1° battaglione Ranger, da due compagnie del 41° reggimento di fanteria, dalla compagnia “H” del 67° reggimento corazzato, e dall’83° battaglione mortai, forze preponderanti rispetto a quelle italiane, a cui si aggiungeva la potenza di fuoco dell’artiglieria delle unità navali al largo delle coste ed aeree, ebbero come obiettivo la conquista del caposaldo difeso dai soldati del regio esercito italiano, da realizzarsi all’alba del 12 luglio.
Il fianco sx della forza di attacco era protetto dal 4° btg. Ranger, dislocato ad ovest di Gela.

Lo scopo della forza di attacco era di proteggere le forze che avrebbero dovuto conquistare l’aeroporto di “Ponte Olivo”.

Il movimento di avvicinamento iniziò intorno alla mezzanotte tra l’11 ed il 12 luglio dalla periferia di Gela. Mossero per primi i Rangers, seguiti dal 41° rgt. con le due compagnie, frazionate in plotoni.

Ciascun plotone procedette con un proprio settore operativo, a destra e a sinistra dell’obiettivo, mantenendo lo schieramento molto serrato e disponendo gli uomini distanti non più di due passi gli uni dagli altri, in modo da costituire una colonna su entrambi i lati della strada.

Avvicinandosi verso l’obiettivo i soldati statunitensi incontrarono diversi cadaveri di soldati italiani, appartenenti alla divisione “Livorno”, caduti durante i furiosi combattimenti del giorno precedente.

Le compagnie del 41° rgt. americano, durante l’avvicinamento, intorno alle 05:00, vennero individuate da una mitragliatrice italiana, che facendo fuoco creò lo scompiglio tra i soldati statunitensi, facendoli immediatamente arretrare per poi mettersi al riparo dentro un fossato.

A seguito dell’energica reazione italiana vennero chiamati a intervenire i mortaisti americani, i qualiaprirono fuoco su monte dell’Apa, mentre i carri armati puntarono verso monte Zai in appoggio dei Rangers.

Nel frattempo intervenne anche l’artiglieria italiana del 28° rgt., cercando di contrastare e contenere l’avanzata del nemico, che a sua volta fu costretto a ripiegare sulle linee dei mortaisti intervenuti precedentemente.

Il fuoco ben coordinato dell’artiglieria italiana costrinse i Rangers e i mortaisti ad arretrare ulteriormente.

Nel contempo, a metà mattinata del 12 di luglio 1943, le compagnie del 41° rgt. erano giunte a poche centinaia di metri dai loro obiettivi, mentre i Rangers fornirono all’artiglieria navale americana le coordinate delle postazioni ubicate sul monte Zai, che diventarono bersaglio del fuoco dei cannoni da 6 pollici.

Intorno alle 13:00 fu deciso che le compagnie del 41° rgt. sarebbero state supportate dal fuoco dei mortai, mentre i Rangers sarebbero stati appoggiati dai carri armati, nel caso in cui fosse stato necessario.

Il 41° rgt., avvicinandosi sempre più verso l’obiettivo, innescò la reazione dell’artiglieria italiana, ma il contrattacco dei fanti americani, coperti dal fuoco dei mortai, fu repentino e veloce scattando in avanti.

Questi ultimi, giunti a pochi metri dall’obiettivo, vennero fermati da una mitragliatrice italiana posizionata all’interno di una casa matta.

I soldati americani balzarono in attacco verso la postazione lanciando bombe a mano e alla fine dell’azione vennero catturati i due
militari italiani che si erano battuti con valore e coraggio contro un nemico più numeroso e ben armato.

Uno dei soldati italiani sorreggeva l’altro commilitone ferito e lo aiutava nei movimenti, per poi essere presi entrambi in consegna dai militari statunitensi.

L’obiettivo di monte dell’Apa cadde intorno alle 15:00 del 12 luglio 1943, come riportato dalla relazione americana e dalla testimonianza dell’allora Capitano Ceci (dalle 14:00 alle 15:00), mentre monte Zai cadde per primo, conquistato dai Rangers, i quali in una prima fase credettero di trovarsi di fronte a un intero battaglione, mentre invece si trattava di una sola compagnia e di pochi elementi di reparti costieri.

Fonti consultate:

  • Intervista al Gen. Ceci da parte dei sigg. Reale S.re e Schifani Giovanni;
  • Relazione del 41° reggimento di fanteria USA;
  • Santoni A. ” Le operazioni in Sicilia e in Calabria (luglio- settembre 1943)”;
  • Faldella E. ”Lo sbarco e la difesa della Sicilia”.
  • Foto di Alfio Pappalardo.

 

Socio Simpatizzante
Sezione ANB di Acireale (CT) “Cap. G. Martinez”
Salvatore Reale




MAIORA VIRIBUS AUDERE

MAIORA VIRIBUS AUDERE (“ Osare con le proprie forze le maggiori Imprese”, motto del 3° reggimento bersaglieri) Orazio D'Angelo nasce ad Acireale il 9/05/1918. La sua vita militare comincia con un periodo di servizio premilitare obbligatorio terminato il quale viene...

Giuseppa Licciardello

Giuseppa Licciardello La nonnina dei Bersaglieri La sezione di Acireale da me rappresentata vuole chiudere un anno eccezionale pieno di tante iniziative e di innumerevoli sodddisfazioni rendendo omaggio alla signora Giuseppa Licciardello vedova Patane’. Il figlio...

Commemorazione Bazzano

  Domenico Bazzano     uno dei mille     Il 3 dicembre 2017, dopo vari contatti con l’avv. Mattia Gattuso, che rappresenta la famiglia Bazzano, la sezione Bersaglieri di Acireale, con la collaborazione del Presidente Provinciale e della...

La nonnina dei Bersaglieri

La nonnina di Fleri non è più tra noi. La Martinez, commossa, si stringe attorno ai suoi familiari. É con grande commozione che devo comunicare a tutti i nostri simpatizzanti che stasera é morta quasi a 102 anni la mamma dei nostri due soci i fratelli Patanè. La...

Dipinti donati all’Associazione Nazionale Bersaglieri

Dipinti donati all'Associazione Nazionale Bersaglieri Quadri esposti durante la mostra tenutasi in occasione del raduono regionale svoltosi ad Acireale Infinite volte Grazie agli artisti Santo Vancante, Orazio Sambataro, Salvo Rizzo ed  Annalisa La Vecchia che hanno...

65° Raduno Nazionale Bersaglieri – Pescara

65° Raduno Nazionale Bersaglieri Pescara - dal 15 al 21 Maggio 2017 La “Martinez” al Raduno di Pescara Pescara, quest’anno è stata la sede che ha ospitato il 65° Raduno Nazionale Bersaglieri. La sezione “Martinez” di Acireale, costituita da pochi mesi, ha voluto...

65° AUC al 65° Raduno Nazionale dei Bersaglieri

65° AUC al 65° Raduno Nazionale dei Bersaglieri ...magna ruina adorior L'accogliente città di Pescara, capoluogo di una terra bella e generosa, posta sulla costa abruzzese, sul declivio di un colle alla sinistra del fiume Aterno-Pescara, soprannominata " Regina degli...

Come Nasce L’ANB

Come Nasce l'ANB Il 18 giugno del 1886, al 50° anno dalla fondazione del corpo dei bersaglieri, venne creato un primo nucleo di quella che poi diventerà l’ANB, il nome fu “comizio veterani bersaglieri”. Il 19 maggio del 1887 si costitui un secondo nucleo, chiamato...

Acireale – Giugno 2017 – Raduno Regionale ANB

Acireale - Giugno 2017 - Raduno Regionale ANB ... foto e video della tre giorni indimenticabile VI Raduno Regionale La Coriandolata Foto di A Casa di Charlie VI Raduno Regionale Foto Antonio Sapuppo La Martinez al bar Doge In città e tra la gente Video Inaugurazione...

Eventi ANB Acireale durante Raduno Regionale

VI Raduno Regionale Siciliano Associazione Nazionale Bersaglieri Durante il sesto raduno regionale dei bersaglieri, la sezione di Acireale avrà la sua inaugurazione ufficiale a cui tutti siete invitati a partecipare, questa si terrà Venerdì 16 Giugno alle ore 18.00 in...

Gela 12 Luglio 1943 ultima modifica: 2017-02-11T14:00:45+00:00 da Gino David Leonardi